Archivio per 11/22/2010

Presentazione Proposta di legge – Prof.ssa Marilisa D’Amico

Prof.ssa Marilisa D’Amico

*****

CONTESTO SOCIALE

Con lo sviluppo delle moderne tecnologie si assiste sempre più spesso a pubblicità e comunicazione attraverso i media che sembrano fare un passo indietro rispetto alle conquiste nel rapporto tra i due generi soprattutto in tema di diritto di voto e al lavoro, oltre che all’istruzione e alla procreazione responsabile.

Sembra attuarsi una forma di violenza che si potrebbe definire “mediatica”,  che offende la dignità della persona attraverso l’uso strumentale e umiliante del corpo. Le immagini infatti costituiscono un potente canale di trasmissione di valori o disvalori che raggiungono le persone (donne, uomini, bambini) in maniera spesso indiscriminata.

*****

SCOPO DELLA LEGGE

Con la presente proposta di legge si intende fornire un contributo effettivo nella lotta contro le discriminazioni di genere, attuate con immagini esplicite e subliminali che incoraggiano e “normalizzano” la discriminazione tra i generi.

Si intende pertanto superare e rimuovere gli stereotipi trasmessi dai messaggi pubblicitari che riguardano sia gli uomini sia le donne, contribuendo a rendere effettivi i diritti sanciti dalla nostra Costituzione alla vita, all’integrità fisica e morale, oltre che alla propria realizzazione personale.

Il presente disegno di legge si inserisce perfettamente nel quadro di attuazione di questi principi costituzionali e colma un significativo vuoto normativo armonizzandosi con la normativa di contrasto alle discriminazioni di genere (d.lgs. 11 aprile 2006, n. 198) e con la normativa in materia di pubblicità ingannevole e comparativa (d.lgs. 25 gennaio 1992, n. 74).

» Leggi ancora..

Relazione introduttiva – Presentazione Proposta di Legge – conferenza stampa 22/11/2010

di Tiziana Scalco

Oggi presentiamo una proposta  di legge sulla parità e la non discriminazione tra i generi nell’ambito della pubblicità e dei mezzi di comunicazione.

E’ una proposta che tiene in considerazione entrambi i generi pur coscienti che il maggior sfruttamento dell’immagine cade in capo al genere femminile, ma le riflessioni di questi i mesi di lavoro, ci hanno convinto di quanto la stessa mortificazione ha ricadute in maniera decisa e oggettiva su entrambi i generi.

Che si mostrino corpi femminili ammiccanti e disponibili all’uso, mortifica anche il genere maschile, che viene a sua volta visto come l’acquirente, di questa disponibilità.

Abbiamo riflettuto su quale immagine vuole identificarsi un uomo, un cittadino:

sull’acquirente di un prodotto che insieme all’auto si compra il contenuto del reggiseno della modella messa a fianco di quell’auto?

Oppure un uomo moderno che sia portatore di idee e valori all’altezza della sfida dei tempi e della maturità di una società che richiede ormai da tempo di ripensare ai quei valori di dignità che ogni uomo e ogni donna ha diritto di chiedere?

Noi non pensiamo che se l’immagine femminile viene distorta e rappresentata attraverso stereotipi volgari, sia un affare che riguarda solo le donne…E’ nostra convinzione  che riguardi tutti, uomini, donne, bambini e bambine, adolescenti.

Sgombrerei subito il campo dai giudizi superficiali di molti politici che definiscono questa nostra azione come figlia di un’antica e superata battaglia  femminista.

Come se invece pubblicizzare una collezione moda con l’ immagine di una ragazzina a terra tra frutta e verdura, con aria ammicante e un cetriolo in mano sia segno di una mente vivace e moderna

L’idea di fondare il Comitato Immagine Differente viene da un impegno secolare della Cgil che da sempre è impegnata sui temi delle pari opportunità e del lavoro, per una cultura del rispetto e della dignità della persona .

» Leggi ancora..

Iniziativa a Corsico – Presentazione Proposta di Legge

Donne In pezzi – Incontro pubblico

Proposta di legge sulla parità e la non discriminazione tra i generi

?Proposta di legge sulla parità e la non discriminazione tra i generi  nell’ambito della pubblicità e dei mezzi di comunicazione

Il Centro Comunitario Puecher e l’Associazione DonneInQuota
presentano

Proposta di legge sulla parità e la non discriminazione tra i generi
nell’ambito della pubblicità e dei mezzi di comunicazione

Intervengono

Tiziana Scalco,
segreteria CGIL Milano

Donatella Martini
Associazione DonneInQuota

Annalisa Rosiello
Avvocato

Martedì 10 giugno 2011  ore 20,45

presso il Centro Comunitario Puecher

Via U. Dini 7 – 20141 Milano

(bus 79; tram 3 e 15; MM2-capolinea piazza Abbiategrasso)